16 regole per scrivere testi per una UX efficace

da | Mag 26, 2021 | MyWebBlog

Scrivere testi per l’Esperienza utente (UX) significa produrre testi che guidano gli utenti all’interno di un prodotto digitale: un sito web o un’applicazione, aiutandoli ad interagire e raggiungere i loro obiettivi.

I testi dell’interfaccia utente includono pulsanti, menù, messaggi di errore, messaggi di conferma, tutorials e onboarding per nuovi utenti, nonché eventuali istruzioni sull’utilizzo del prodotto digitale.

L’obiettivo principale della scrittura UX è regolamentare e rendere efficace la comunicazione di un prodotto digitale e gli utenti dello stesso. In questo articolo, troverai alcuni suggerimenti pratici per una scrittura UX efficace.

Perché la creazione di testo UX per l’interfaccia utente dovrebbe essere parte integrante del processo di design

ottimizzazione testi ux copywriting

Molto spesso gli sviluppatori pensano al testo dell’interfaccia utente come a qualcosa che appartiene alla fase di documentazione del prodotto.

“Per prima cosa progetteremo il prodotto e poi assumeremo qualcuno che ci aiuti a scrivere una copia dell’interfaccia utente”.

Questo presupposto è spesso causa di danni, perché il punto critico dell’interfaccia utente può arrivare inosservato fino alle ultime fasi del processo di sviluppo. Ecco perché il testo dell’interfaccia utente è un task che dovrebbe essere preso in consegna nelle fasi iniziali del processo di design di ogni sito web o applicazione digitale.

Iniziare subito a lavorare sui testi UX può mettere in evidenza problemi di design e sviluppo prima ancora di affrontarli

Copywriter UX professionisti devono collaborare con sviluppatori e designer, per creare testi per l’interfaccia utente e per tutte le aree critiche di incontro con gli utenti. Se un team di design e di sviluppo ha difficoltà a spiegare un progetto, molto spesso è il prodotto stesso, non il testo, a dover essere migliorato.

Suggerimenti e regole per il copywriting UX

Scrivere testi dovrebbe fare parte del processo di design. Si tratta sia di un’arte che di una scienza. Anche se è improbabile fornire regole universali per la scrittura di testi UX, è possibile seguire alcune regole generali che possono aiutarci a creare una migliore esperienza per gli utenti e quindi rendere più funzionale il nostro prodotto digitale.

1. Cerca di essere conciso

Per conciso non intendo limitato; conciso significa mirare all’efficienza e all’ottimizzazione. Usa il minor numero di parole possibili senza distorcere o sminuire il significato. Scrivendo in modo conciso, vuol dire fare in modo che ogni parola sullo schermo abbia un senso e serva uno scopo preciso. Come diceva Mark Twain:

“Scrivere è facile! Tutto quello che bisogna fare è cancellare le parole sbagliate.”

  • Evita messaggi come: devi accedere prima di poter scrivere un commento
  • Molto meglio un messaggio conciso: accedi per commentare

2. Evita lunghi blocchi di testo

Mentre utilizzano un prodotto digitale, gli utenti non sono concentrati nell’interfaccia stessa bensì, in quello che vogliono ottenere. Di conseguenza, gli utenti non leggono il testo dell’interfaccia, ma lo scansionano velocemente.

Aiutali a scansionare scrivendo brevi paragrafi semplici e leggibili. Suddividi il testo in frasi corte e paragrafi brevi. Mantieni il testo più importante in primo piano e quindi taglia ed elimina senza pietà tutto il superfluo.

3. Evita le negazioni doppie

Le doppie negazioni aumentano il carico cognitivo sull’utente: richiedono agli utenti più tempo per comprendere un messaggio.

  • Evita messaggi come: non desidero annullare l’iscrizione alla newsletter
  • Molto meglio: voglio restare iscritto alla newsletter

4. Inizia dall’obiettivo principale

Quando una frase descrive un obiettivo e l’azione necessaria per raggiungerlo, inizia la frase concentrandoti sull’obiettivo.

  • Evita messaggi come: clicca sull’elemento per visualizzarne le proprietà
  • Molto meglio: per vedere le proprietà dell’elemento, cliccaci sopra

5. Quando puoi, usa verbi specifici

I verbi specifici (come “modifica” o “salva”) sono più immediati per gli utenti rispetto a quelli generici (come “configura” o “gestisci”).

6. Scrivi testi mantenendoli coerenti

L’incoerenza crea confusione. Un tipico esempio di incoerenza è la sostituzione di una parola con un sinonimo in una parte diversa dell’interfaccia utente. Ad esempio, se decidi di chiamare il processo di modifica di un elemento “cambia”, in una parte dell’interfaccia utente, non chiamarlo “modifica” in altre parti dell’interfaccia utente.

Un’altro errore comune è utilizzare diverse forme di appello. Non fare riferimento all’utente in seconda persona e in altre aree in prima persona.

  • Evita messaggi come: modifica le tue preferenze in Account personale
  • Molto meglio: modifica le tue preferenze nel tuo account

7. Quando possibile, evita il gergo ed i tecnicismi

Una delle caratteristiche più significative per testi UX efficaci è la chiarezza e la semplicità.

Per chiarezza, è necessario rimuovere i termini tecnici e utilizzare invece parole e frasi di uso comune e facilmente comprensibili. È particolarmente importante evitare il gergo tecnico nei messaggi di errore.

  • Evita messaggi come: codice XY123456 si è verificato un errore durante l’accesso
  • Molto meglio: la password è sbagliata

8. Scrivi al presente

Non usare usare il futuro per descrivere l’azione. Utilizzare verbi al futuro, quando non è necessario, produce dubbi e incertezza nell’utente.

  • Evita messaggi come: il file verrà scaricato
  • Molto meglio: scaricamento del file in corso

9. Scrivi in forma attiva

Le forme passive annoiano la maggior parte degli utenti. Confronta questa frase in entrambe le forme.

  • Passiva: fare clic sul pulsante Cerca quando sei pronto a cercare un prodotto.
  • Attiva: fai clic sul pulsante Cerca per cercare un prodotto.

10. Scrivi le cifre in numeri e non a parole

Usa numeri al posto delle parole per le cifre.

  • Evita: hai quattro notifiche in attesa
  • Meglio: hai 4 notifiche in attesa

11. Metti subito in evidenza l’essenziale

A volte potrebbe essere utile fornire informazioni aggiuntive o istruzioni supplementari per gli utenti. Purtroppo però, spesso accade che i dettagli vengano presentati tutti insieme, inutilmente. Troppe informazioni possono velocemente sovraccaricare gli utenti a livello cognitivo.

Meglio rivelare i dettagli secondari a seconda della necessità. Utilizza un meccanismo di informazione progressiva per dare la possibilità all’utente di leggere più dettagli. Nel caso più comune, ad esempio, questo meccanismo può essere implementato nella forma di un pulsante “Leggi di più”.

Soprattutto quando si tratta di dispositivi mobili, questo meccanismo può aiutare a gestire il poco spazio a disposizione.

12. Identifica gli elementi interattivi in maniera appropriata

Agli utenti generalmente non piacciono le sorprese. Tutti quanti odiamo le situazioni in cui ci aspettiamo una cosa e finiamo per trovarci di fronte ad un’altra. I tuoi utenti dovrebbero essere in grado di capire a colpo d’occhio cosa fa ogni elemento che presenti nell’interfaccia.

Scegli nomi ed etichette che comunicano chiaramente la funzione di ogni elemento.

Quando assegni etichette a pulsanti e altri elementi interattivi, utilizza verbi immediati e descrittivi come “Connetti”, “Acquista” ed “Iscriviti” invece di un vaghissimo “ok” o peggio, l’odiato pulsante “Invia” (invio cosa? A chi?).

13. L’umorismo fa piacere ma attenzione a non essere fuori luogo

Molti designer sono convinti che incorporare dell’umorismo nell’interfaccia utente la faccia sembrare più umana. Come però per qualsiasi altro componente dell’interfaccia utente, l’umorismo dovrebbe essere progettato accuratamente. È probabile che le persone leggano il testo nella tua interfaccia più volte e ciò che all’inizio potrebbe far sorridere, può diventare irritante nel tempo (specialmente se l’umorismo è presente nei messaggi di errore). Inoltre, tieni presente che l’umorismo della tua lingua e cultura non si traduce necessariamente bene in altre lingue e culture.

14. Utilizza un linguaggio consistente e coerente con il contesto del sito / applicazione

I termini che utilizziamo per descrivere l’interazione con un’app per computer desktop non si applicano necessariamente ai dispositivi mobili. Ad esempio, se progetti un’app per smartphone, non dovresti usare “clic” quando ti riferisci ad un’azione. Dovresti usare un termine contestuale come “tocca”.

15. Quando puoi utilizza “oggi”, “ieri” o “domani” invece della data

I tuoi utenti (e anche tu) non usano date quando si riferiscono al giorno prima, al giorno corrente o al giorno seguente. Tutti diciamo “ieri”, “oggi”, “domani”. Lo stesso principio deve essere applicato all’interfaccia dei prodotti digitali. Invece di fornire una data, scrivi “oggi”, “ieri” o “domani”. Almeno in questi tre casi, evita agli utenti di dover utilizzare il calendario per sapere sapere quando si è verificato un dato evento.

16. Aiutati con la grafica se può migliorare la comunicazione

Gli esseri umani sono creature molto visuali. La nostra capacità di interpretare le informazioni visive è parte fondamentale del nostro cervello. In alcuni contesti, può essere quasi impossibile spiegare un concetto in maniera efficiente a parole. È qui che l’inserimento di immagini e di icone può aiutare a rendere il testo più comprensibile.

Conclusioni

Scrivere testi UX ottimizzati ed efficienti per l’interfaccia utente può richiedere tempo e impegno. Ma credimi, ne varrà la pena. Ogni parola nella tua app, sito web o software fa parte di una conversazione con i tuoi utenti, li aiuta a raggiungere i loro obiettivi e crea un’esperienza semplice e memorabile. Ed è nostro dovere, come designers e UX copywriters, progettare e controllare la conversazione in modo da renderla il più efficace possibile.

REGISTRATI PER ESSERE AGGIORNATO OGNI SETTIMANA SUI NUOVI CONTENUTI!

Leggi gli Altri Articoli