L’importanza della SEO nella Comunicazione

da | Giu 4, 2020 | MyWebBlog

Perché una buona SEO Strategy è importante per la tua impresa?

Ma soprattutto: cos’è e come funziona? Scopriamolo insieme!

 

Quando parliamo di SEO (Search Engine Optimization), intendiamo una serie di strategie e contenuti, che siano in grado di ottimizzare le perfomance online e offline della tua attività. Ottimizzare quindi il tuo sito web e i contenuti al suo interno per far si che i potenziali clienti che in questo momento stanno cercando i tuoi prodotti o prodotti simili ai tuoi, possano trovarti facilmente, aumentando il traffico verso i tuoi canali online, migliorando la notorietà del tuo brand, nonché l’autorevolezza della tua attività.

 

Google e il suo algoritmo: penalizzazioni e “forzature”

Con il passare degli anni, Google ha aggiornato e migliorato il suo algoritmo, per facilitare la ricerca degli utenti e aumentare le probabilità che riescano a trovare quello che cercano in tempi rapidi. Facendo questo però, è diventato sempre più complesso indicizzare in maniera naturale i siti web e i loro contenuti, sia testuali che multimediali. In particolare, la realizzazione di testi così detti “SEO-Oriented”, è stata penalizzata dall’algoritmo di Google. Come? Se da un lato possiamo scrivere testi più naturali e meno “artificiosi” per comparire in tutti i modi sulle prime pagine dei motori di ricerca, allo stesso tempo,  molte “tecniche” utilizzate di frequente fino a qualche anno fa, risentono oggi anche della più piccola forzatura. Un esempio, per intenderci, sono quelle frasi o parole ripetute, messe continuamente in evidenza con l’uso del bold (grassetto); o ancora, forzature innaturali dei titoli (ad esempio “Cerchi Parrucchiere scontato a Perugia?”, seguiti da frasi nel sottotesto come “Scopri i tagli più trend dal miglior Parrucchiere scontato a Perugia”: non ti sembra una frase che diresti ad un potenziale cliente, vero? Ed è proprio per questo che Google ha deciso di dare un “taglio” a questi espedienti.

 

Il caso della Strategia di Link Building

 

Stesso problema per le strategie di Link Building (di cui parlerò in un successivo articolo), ovvero creare dei collegamenti all’interno del sito, che rimandino ad altri siti, per accrescere la nostra visibilità e creare maggiore autorevolezza da parte dell’algoritmo di Google. Questa strategia, su cui si è sempre basata l’ottimizzazione SEO sin dagli inizi, se mal strutturata o utilizzata in maniera poco pertinente (ad esempio, linkando ad articoli di bassa qualità, o ospitando link a pagamento), abbasserà  notevolmente il ranking del tuo sito e di conseguenza, questo verrà valutato in maniera negativa dal motore di ricerca.

 

Conclusioni: rendi i tuoi contenuti SEO-friendly

In conclusione, la soluzione migliore è quella di rendere i tuoi contenuti “SEO-friendly”. Per aiutarti, puoi partire utilizzando alcune piccole regolette di base (qui ti darò qualche suggerimento, per iniziare!):

 

1) Le Keywords: cioè le “parole chiavi”, quelle che identificano la tua impresa, i tuoi prodotti o i servizi che offri. Sono, per intenderci, le parole o le frasi che gli utenti utilizzano quando effettuano una ricerca online. Per questo sono FONDAMENTALI e devono avere una coerenza anche nei contenuti che realizzi sul tuo sito! Ricorda che le keywords pertinenti, sono quelle che ti faranno raggiungere potenziali clienti davvero interessati a ciò che vendi! Per trovare le keywords di cui hai bisogno, puoi utilizzare strumenti davvero interessanti, che ti aiuteranno a capire, non solo con quali parole o frasi sono maggiormente cercati determinati prodotti o servizi, ma anche i gusti degli utenti e le loro necessità. Tools davvero utili, che utilizzo io stessa sono Ubersuggest e Answer The Public , di cui parlerò in un altro articolo, più avanti in maniera dettagliata!

 

2) Intanto è necessario che tu sappia che, la scrittura in chiave SEO, deve piacere a Google, ma deve andare incontro alle necessità degli utenti! Quindi, quando scrivi dei contenuti per il tuo sito web, EVITA LE FORZATURE e frasi che NON AVREBBERO SENSO in una comunicazione “reale” con un ipotetico cliente (vedi l’esempio su riportato)

 

3) Il Tag e l’attributo ALT, alla base dell’ottimizzazione di una pagina web. I Tag si inseriscono in TITLE e META DESCRIPTION, gli ALT, invece, nelle IMMAGINI. Grazie al tag, Google riconosce le parole chiave inserite nel tuo sito e riesce facilmente ad individuarne l’argomento principale per indicizzare le pagine; lo stesso vale per l’attributo ALT nelle immagini.

 

4) Header. Gli Header, ovvero le intestazioni della pagina o dell’articolo di un Blog, sono ordinati per importanza; dunque, ricorda sempre di inserire gli Header (H) seguendo quell’ordine (H1, H2, H3, etc.). Mai dimenticare di inserire l’H1, poichè rivela immediatamente all’utente l’argomento del testo pubblicato. Serve inoltre a Google per riconoscere e catalogare il tuo sito o il tuo articolo online, ed è per questo che le parole chiave vanno inserite qui!

 

Naturalmente, torneremo a parlare del mondo SEO e dei suoi segreti, per adesso una piccola infarinatura generale è quello che ci vuole per farti entrare nell’ “optimization mood”!

Ti sembra un argomento interessante? Vorresti saperne di più? Fammi sapere la tua opinione nei commenti o scrivimi una mail

 

REGISTRATI PER ESSERE AGGIORNATO OGNI SETTIMANA SUI NUOVI CONTENUTI!

Leggi gli Altri Articoli